Soluzioni sostenibili per la crisi del Corona virus

 

TAS si impegna a mantenere la diversità strutturale della scena della danza e la salute della popolazione svizzera


Comunicato stampa


Comunicato stampa del 10 gennaio 2021: Le scuole di danza vogliono e possono assumersi la responsabilità
Comunicato stampa del 19 dicembre 2020: Lockdown è un'arma a doppio taglio per le scuole di danza



Rilassamenti anche per le scuole di danza


Non possiamo cambiare il vento, ma possiamo mettere le vele nella giusta direzione: Le decisioni del Consiglio federale del 14 aprile 2021 dimostrano che il nostro impegno sta dando i suoi frutti. Insieme alle iniziative di altre organizzazioni nel campo dell'attività fisica e della promozione della salute, la nostra presenza nei media, così come le dichiarazioni critiche e le richieste ragionate fatte alle autorità, hanno fatto sì che le attività sportive fossero prese in considerazione nella strategia di apertura della Confederazione.

Inoltre, abbiamo ottenuto che il ballo sia esplicitamente menzionato e regolato, il che significa che l'incertezza della pianificazione può essere fermata e che al ballo viene data una maggiore priorità a livello politico. Con tranquilla fiducia guardiamo al futuro e siamo lieti che le scuole di danza possano lentamente ma costantemente riprendere le loro attività. 


La danza è rilevante per la salute


Nell'ottobre 2020, abbiamo attirato l'attenzione sulla necessità di attività legate alla salute durante la pandemia attraverso un documento di posizione. Fortunatamente, alcune associazioni delle professioni della salute e del movimento si sono ora impegnate per un'apertura responsabile a partire da marzo 2021. Con la lettera al Consiglio federale e all'UFSP del 9 febbraio 2021, ci appelliamo nuovamente alle autorità affinché riconoscano l'urgenza della nostra richiesta di "spazi di movimento e di incontro protetti", sia in termini economici che sanitari.

La Swiss National COVID-19 Science Task Force, nel suo rapporto del 20 gennaio 2021, rileva un aumento significativo dei sintomi psicologici legati allo stress nella popolazione. Lo stress, che colpisce anche la salute fisica e il sistema immunitario. Sia la task force scientifica federale che l'Università di Basilea sottolineano l'importanza dell'attività fisica e del contatto sociale per mantenere la salute.

Swiss National COVID-19 Science Taskforce: L’impatto della pandemia da COVID-19 sulla salute mentale in SvizzeraUniversità di Basilea: studio svizzero di stress Corona


Le scuole di danza si assumono la responsabilità


Il rispetto dei concetti di protezione è stata una priorità assoluta per tutti i membri di TAS sin dall'inizio della pandemia. Molte scuole di danza hanno introdotto volontariamente le mascherine obbligatorie prima che le autorità lo ordinassero, assumendosi così la responsabilità a livello sociopolitico e interpersonale.

È importante sottolineare che le scuole di danza, pur rispettando le condizioni quadro per lo sport, non figurano tra i luoghi in cui vi è un maggiore rischio di trasmissione del coronavirus. Questo grazie soprattutto agli insegnanti e agli educatori di danza che controllano il rispetto del regolamento. Inoltre, negli accesi dibattiti politici si dimentica spesso che il sistema immunitario è un attore importante nella lotta contro il coronavirus e che la danza rafforza il sistema immunitario su diversi livelli.

Con il suo appello alle autorità sanitarie cantonali, TANZ Associazione Svizzera TAS lotta contro le restrizioni che rendono ancora più pesante il regolamento per lo sport già previsto dall' UFSPO. Per maggiori dettagli, leggere il seguente documento:

Posizione per la conservazione dei luoghi di movimento e di incontro sicuri nel campo della danza nell'ambito di COVID-19

Vogliamo preservare la scena della danza svizzera nella sua diversità culturale e sportiva e allo stesso tempo assumerci la nostra responsabilità sociale.

Oltre 9300 persone hanno firmato la petizione: SÌ alla danza e alla salute sotto COVID-19, non solo esprimendo così fiducia nella loro scuola di danza, ma anche sottolineando l'importanza delle attività salutari durante la crisi di Corona. La petizione è stata consegnata alla Cancelleria federale a Berna all'inizio di aprile 2021. Molte grazie a tutti coloro che hanno sostenuto attivamente la petizione con le loro firme e diffondendo la parola sulla nostra causa. Speriamo vivamente che l'iniziativa contribuisca a un dialogo costruttivo a livello politico.


Pacchetto di stabilizzazione a favore dello sport per la danza


Nell'ambito del pacchetto di stabilizzazione COVID-19, la Confederazione ha stanziato 95 milioni di franchi sotto forma di contributi a fondo perduto per il mantenimento delle strutture dello sport agonistico e di massa svizzero per il 2020. Per la danza sportiva sono stati stanziati complessivamente 845'905 franchi. 

In seguito alle incertezze nell'elaborazione e nel trattamento delle domande di sostegno, i soci di TANZ Associazione Svizzera TAS hanno saputo troppo tardi di potere presentare la propria domanda. Le domande presentate sono state respinte nel settembre 2020 dalla Swiss DanceSport Federation SDSF, l'organizzazione incaricata da Swiss Olympic di distribuire i fondi.

Swiss Olympic è stata incaricata dal governo svizzero di promuovere attività e misure che, oltre al mantenimento delle prestazioni sportive di alto livello internazionale, hanno i seguenti obiettivi ai sensi dell'art. 1 LPSpo:

  • Incrementare l'attività sportiva e fisica della popolazione svizzera (lett. a)
  • Riqualificare il valore dello sport e dell'attività fisica nell’educazione e nell’istruzione. (lett. b)
  • Incoraggiare comportamenti che contribuiscano a radicare nella società i valori positivi dello sport (lett. d)


Con l'obiettivo essenziale di ancorare lo sport nella società come contributo alla qualità della vita e alla salute, nonché di aumentare la motivazione della popolazione ad impegnarsi in un'attività sportiva regolare (art. 1.2 cpv. 2 degli Statuti di Swiss Olympic il nostro fermo impegno è quello di presentare le domande dei nostri soci in occasione della prossima serie di richieste.

 

Torna alla panoramica